Archivi Blog

La nostra Malattia è la Mente…

« La malattia di cui oggi soffre gran parte dell’umanità è inafferrabile, non definibile. Tutti si sentono più o meno tristi, sfruttati, depressi, ma non hanno un obiettivo contro cui riversare la propria rabbia o a cui rivolgere la propria speranza. Un tempo il potere da cui uno si sentiva oppresso aveva sedi, simboli, e la rivolta si dirigeva contro quelli. Si sparava a un re, si liberava la Bastiglia, si assaltava il Palazzo d’Inverno e si apriva così la breccia di un secolo. Ma oggi? dov’è il centro del potere che immiserisce le nostre vite? Bisogna forse accettare una volta per tutte che quel centro è dentro di noi e che solo una grande rivoluzione interiore può cambiare le cose, visto che tutte le rivoluzioni fatte fuori non han cambiato granché. Il lavoro da fare in questa direzione è enorme, ma non sempre siamo pronti a questa fatica.» ─  Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra (2004)

389656_10150652840104315_1105748365_n

WORKSHOP: METAMASSAGGIO – il massaggio oltre il massaggio – rinascita ed evoluzione

WORKSHOP: METAMASSAGGIO
METODO byou Art Massage: il massaggio oltre il massaggio – rinascita ed evoluzione !
Sabato 22 e Domenica 23 MARZO 2014
A BINASCO (MI) PRESSO IL CENTRO DI YOGA E GINNASTICA (VIA G.MATTEOTTI, 30)
orario: dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 14 alle 17
costo 150€ le due giornate e 100€ una sola.
Corso Base e Avanzato
flyerANTISTRESSzurla2
con
Roberto Zurla: Massofisioterapista Olistico e ideatore della Metodologia byou Art Massage
e
Aurelio Colucci: Artista e Musicista, Insegnante di Yoga, Massaggiatore Olistico
Nel corso del workshop verrà presentato l’evoluzione personale di Roberto Zurla nel massaggio antistress ed in particolare tratteremo come impostare una sequenza completa di massaggio curando soprattutto le posture del massaggiatore, la respirazione e l’atteggiamento interiore necessario a trasmettere rilassamento ed energia facilitando così i processi di guarigione.
La metodologia byou Art Massage è un alchimia tra tecniche antiche orientali e discipline corporee moderne. Le sue origini si trovano nel massaggio ayurvedico, il massaggio olistico e antistress, la reflessologia plantare, il tuina, le tecniche di cranio sacrale e osteopatia, ll trattamento miofasciale e il massaggio connettivale, il tutto reso ancora più efficace dai movimenti fluidi e dalle corrette posture dell’operatore provenienti dalle asana dello yoga e dai movimenti dell’aikido migliorando e aumentando il flusso di energia dall’operatore al cliente che libera e scioglie le tensioni più profonde.
Roberto Zurla, Massofisioterapista, Insegnante di Yoga, Esperto in tecniche Olistiche.Nel campo del benessere è praticamente un figlio d’arte, con madre insegnante di Yoga e padre laureato in scienze motorie. Oltre a praticare ad alto livello varie discipline, come lo yoga, il Reiki, la teatroterapia e le arti marziali, ha seguito vari corsi di specializzazione sulle tecniche di massaggio:

  • Comincia la sua esperienza nel campo del benessere nel1997 con il Corso di Massaggio Antistress Della scuola Europea di Medicina del Massaggio, di seguita diventa insegnante della scuola ed elabora una sua tecnica personale di massaggio terapeutico.
  • Diplomato Massofisioterapista presso la scuola Sinapsy di Bergamo nel 2005.
  • Pratica Yoga dal 1995.
  • Formato come insegnante presso il Centro di Yoga e Ginnastica di Binasco dall’insegnante Dal Rovere Claudia dell’unione Professori Yoga nel 1999.
  • Segue seminari di yoga per ragazzi presso l’unione professori Yoga nel 1999 e 2000.
  • Segue svariati corsi di tecniche di Massaggio Olistico e Tecniche Energetiche (Reiki- Terapia Craniosacrale- Osteopatia Strutturale -Teatroterapia – Ginnasctica Posturale- Backschool-massaggio connettivale e linfodrenaggio) dal 2001 al 2007
  • Pratica AiKiDo dal 2001
  • Frequenta il Corso per insegnanti Yoga A.F.Y
I POSTI SONO LIMITATI
MAX 12 PERSONE
COME ARRIVARE:
uscita BINASCO  della A7 (Milano Genova) fuori dal casello girare a sinistra poi alla rotonda a destra e dopo 150/200m entrare in Binasco, proseguite per altri 150m e il centro si trova sulla destra Via Matteotti,30

OSPITALITA’: IL SOLE DEL BORGO B&B – Pasturago, VERNATE (MI) dista 2 Km da BINASCO – via giuseppe verdi 5

Tel. 02 90006054 Cell: 339 2268350

prezzi singola 40€ – doppia 60€

E’ anche possibile ospitare a Binasco 4 persone ad un costo di 15€ a persona
Verranno fatte le delle riprese video e si potrà acquistarle alla fine del corso
PER PRENOTAZIONI:

Aurelio Colucci

artmusicyoga@yahoo.com

YOGA EXPERIENCE PRIMAVERA 2014

YOGA EXPLORER DI PRIMAVERA: immergersi nel cuore della Toscana a 20 km da Firenze, in un luogo circondato da vigneti, olivi e boschi, è il modo migliore per prendere forza ed energia alle porte della Primavera.

flyerESPLORERapr1

Dal  giovedi 24 alla domenica  27 Aprile, inizio ore 19.00 del giovedì e termine domenica per merenda pomeridiana, avrà luogo un lungo fine settimana sulle dolci colline che circondano Casa Martini, con meditazione, pratica yoga, pasti vegetariani, e condivisione della natura con lunghe passeggiate, non dimentichiamo di portare il costume per relax in piscina se il tempo lo permette. Un approfondimento sulla teoria e pratica dello Yoga, un’opportunità  per ricaricarti e sviluppare una pratica mentale ed interiore, utile per tutti gli aspetti della vita.

https://www.facebook.com/events/2013213885484175/?fref=ts

CASA MARTINI è, ed è sempre stata un’oasi di condivisione alla quale le persone tornano, perché si sentono a casa loro. Ciò che trasmette questo luogo passa attraverso il contatto profondo con la natura, che ci conduce alla conoscenza della nostra  parte più istintiva e primordiale e alla necessità di condivisione con gli altri della bellezza della vita. Questo il senso profondo che questa casa ha sempre avuto per Sandro, mio padre, e da cui voglio ripartire per costruire un luogo che favorisca  incontri,  scambi, confronti tra persone che vogliano condividere  conoscenze ed emozioni allo scopo di raggiungere un più alto stato di benessere  psicofisico, consapevolezza di sé e soprattutto uno stato di ricerca di libertà vitale.

L’INSEGNANTE: Aurelio Colucci (nome spirituale Ashok), ha iniziato il percorso della pratica Yoga prima in India, poi grazie all’insegnante Roshni Sekha ha proseguito gli studi, per poi diplomarsi presso l’International Sivananda Yoga Vedanta Centers, fondata da Swami Vishnudevananda in Canada nel 1966.

Oggi lo Yoga, la meditazione ed il massaggio sono la sua vita quotidiana, non solo come stile ma come forza di gioia immensa ed immutabile da trasmettere e condividere in armonia con il resto del mondo.

2013-07-22 16.12.41

L’ALLOGGIO: Casa Martini è un agriturismo a conduzione familiare, molto intimo ed accogliente. Durante il ritiro verranno messi a disposizione gli spazi comuni come il Fienile, appena ristrutturato e divenuto una perfetta sala yogica, e le altre aree esterne ed interne della struttura composta da appartamenti. L’alloggio è previsto in camere da 2 a 3 posti letto, tutte con bagno e doccia privati. Casa Martini è a 25 minuti dal centro di Firenze, nella campagna Toscana, circondata da ulivi e vigne, quelle del Chianti. Le colline, ricoperte anche da boschi e vigneti, sono abitate da animali selvatici come caprioli, volpi, cinghiali, lepri, scoiattoli e uccelli di molte specie. L’agriturismo è confinante con due diversi piccoli maneggi, ed è circondato da percorsi da fare a piedi. www.casamartini.eu

IL PROGRAMMA: prevede lezioni di yoga, meditazione, condivisione in cucina, passeggiate e altro.

2014-01-14 21.59.19-12014-01-08 20.24.41

IL MENU’:prevede piatti vegetariani e vegani come: fusilli gratinati con broccoli e mozzarella, lasagne ai carciofi e scamorza affumicata,  teglia aromatica di seitan, carciofi e patate, insalata croccante con mele e noci, baci croccanti al cioccolato (senza latticini, uova e glutine), coppe di frutta con zabaione alle mandorle (senza latticini e glutine) e tanto altro.

2013-10-26 11.39.00-22013-08-31 17.03.27

COME ARRIVARE: In auto: da Firenze seguite la direzione del raccordo autostradale di Firenze Impruneta,  prima di raggiungerlo, in localita’ Galluzzo, seguite le indicazioni che vi portano verso Montespertoli, S.S. 68 Volterrana, oltrepassare Chiesanuova e Cerbaia, prima di Montagnana girare a sinistra in direzione San Quirico, San Pancrazio,  dopo circa 400 metri sulla destra una strada sterrata scende giù per 300 metri e conduce alla vostra meta.http://www.casamartini.eu/contatti_prenotazioni_bed_breakfast_firenze_agriturismi_toscana
In treno:
da Firenze possiamo organizzare il trasporto in macchina fino a Casa Martini , € 20 a viaggio (massimo 3 persone )

Per ulteriori informazioni chiamare Beatrice Martini al 3395030984, oppure scrivere abeatrice@casamartini.eu

PROMOZIONE PRIMAVERA MASSAGGIO ANTISTRESS

E’ un’occasione da non poter perdere !!!

flyerANTISTRESSpromo108

Aurelio Colucci esegue trattamenti tramite il Massaggio Antistress, tramite lettino o sedia ergonomica.

Lo stress sta minacciando la salute e la qualità della vita dell’uomo in tutto il mondo industrializzato. In Italia colpisce due persone su tre.

Da quando la medicina ne studia gli effetti, ha dimostrato che lo stress innalza la pressione arteriosa fino a danneggiare il cuore e le arterie. Logora il cervello. Abbassa le difese immunitarie.Indebolisce la fertilità e la potenza sessuale. Favorisce l’insorgenza di ansia e depressione. Il logorio della vita moderna “promosso dallo stress” in un crescendo inarrestabile sta caratterizzando la nostra vita attuale.Purtroppo non esistono farmaci per combatterlo. La medicina moderna si sente impotente e prevede che i danni per la salute        dell’uomo provocati dallo stress saranno ancora più gravi nel nuovo millennio.Un medico italiano, il Dott. Giovanni Leanti La Rosa, ha pensato di dare una risposta positiva a questo preoccupante problema con una moderna ed efficace tecnica di manipolazione corporea, il massaggio antistress da ufficio, creato per prevenire e curare senza farmaci le malattie da stress e nello stesso tempo curare se stessi.MassaggiAMO la Vita!Il Massaggio Antistress è il risultato di una sapiente fusione di varie tecniche di manipolazione corporea: shiatzu, chiro terapia, massaggio bioenergetico, riflessogeno, neuromuscolare, connettivale, micro massaggio cinese e dei più moderni massaggi di provenienza americana come il rolfing, il californiano, il postural integration.

È il punto di incontro tra Oriente ed Occidente, tra antico e moderno. Il massaggio del 2000 come lo hanno definito gli esperti, mira a risvegliare il “medico interno” latente in ciascuno di noi e a stimolare la capacità di autoguarigione attraverso la rivitalizzazione di cellule, tessuti ed organi del nostro organismo.

La sua straordinaria efficacia è legata alla stimolazione della circolazione venosa e linfatica, alla rigenerazione nervosa, al rilassamento muscolare ed alla elasticità articolare. Il Massaggio Antistress è un massaggio personalizzato, su misura, centrato sulla comunicazione corporea.

Non si fa tutto a tutti, ma si scelgono le manualità più efficaci per quella persona in quella seduta.

Pertanto non sono previste sequenze rigide perché il massaggio per essere efficace va adattato ai problemi o ai desideri di chi lo riceve. Tutto questo significa essere capaci di vedere la persona nella sua unicità, ma anche essere in grado di riconoscere e decodificare il linguaggio del corpo, dello stress, delle emozioni e dell’inestetismo.

2014-01-05 01.04.12-12014-01-30 13.37.41

Chi ha bisogno del Massaggio Antistress ?!?

Non è esagerato sostenere che fa bene a tutti: bambini e anziani, donne e uomini. Ma i più bisognosi sono soprattutto le persone che manifestano già disturbi e fastidi causate dallo stress, che poi si possono trasformare in malattie.

2014-01-05 01.04.05-1

Nei bambini appena nati contribuisce a far superare meglio lo stress del parto e della nascita. In India e nelle cliniche ostetriche dove si pratica il parto secondo il metodo Leboyer, i neonati da subito e per i primi mesi vengono amorevolmente massaggiati. Nei bambini e nei giovani in età dello sviluppo rafforza l’identità, conferisce sicurezza e permette di crescere sani e felici.

Negli anziani, dopo anni di lavoro e di stress le energie vitali tendono ad esaurirsi. In questi casi il massaggio ha un’efficacia sbalorditiva perché stimola le energie vitali, normalizza e accresce tutte le funzioni degli organi interni che in vecchiaia diminuiscono progressivamente. Rende più elastici tessuti, muscoli e articolazioni che con gli anni tendono inesorabilmente ad andare verso una globale rigidità.

Attraverso il miglioramento della respirazione e della circolazione sanguigna e linfatica arriva più ossigeno e nutrimento alle cellule e ai tessuti, che si rigenerano meglio e più rapidamente. Ne consegue che il massaggio antistress è un potente rimedio contro la vecchiaia e una efficace medicina per ostacolare il decadimento fisico e mentale dell’anziano.

massaggi yoga

Lo stesso vale per le persone che “usano troppo la testa” e “poco il corpo” come intellettuali, dirigenti, imprenditori, professionisti, impiegati e tutti coloro che lavorano e vivono da sedentari, sotto il carico di troppe responsabilità. Tanto più tempo passano in attività intellettuali, tanto più hanno bisogno di scaricare lo stress accumulato.

In queste persone il massaggio antistress, cancellando le tensioni nervose e fisiche, ristabilisce la giusta armonia tra corpo e mente, condizione indispensabile per rendere di più proprio nel lavoro in cui sono richieste massima concentrazione, lucidità e pron- tezza di riflessi.

Oggi sono sempre più numerose le persone che, per esigenze di lavoro e di vita, vivono perennemente nell’ansia e nella tensione, con la mente ingombra di troppe idee mulinanti, e incapaci di arrestare o regolare il flusso dei pensieri. Sono proprio queste le persone che si avvantaggiano maggiormente dei massaggi antistress.

Questi infatti cancellando ansia e tensione, eliminano le idee perturbatrici e le idee ossessive che impediscono la concentrazione e la lucidità.

2012-12-15 07.43.28

Un paziente del Dott. Giovanni Leante La Rosa, grafico pubblicitario, dopo alcune sedute di massaggio, con entusiasmo mi riferisce della scomparsa delle emozioni nega- tive e delle tensioni che tendeva ad accumulare e che gli bloccavano il flusso del pensiero creativo, con conseguente notevole abbassamento di resa lavorativa.

Il massaggio antistress, allentando le resistenze, ci mette maggiormente in contatto con le parti più nascoste del nostro inconscio. Da qui, la maggiore creatività durante e dopo il massaggio.

Quando il corpo si abbandona completamente alle mille piacevoli sensazioni del massaggio, dall’inconscio cominciano ad affiorare emozioni, ricordi, sotto forma di flash che illuminano la mente.

E’ come un sogno ad occhi chiusi, ma da svegli. Quando si raggiungono questi livelli di coscienza sognante, il massaggio raggiunge la sua massima efficacia. Il contatto con le emozioni più profonde conscie e inconscie, recenti e passate, ci aiuta a conoscerci, a sapere chi siamo e quali meccanismi mettiamo in atto per reprimere quelle emozioni che, inespresse, rimangono intrappolate dentro i nostri visceri, generando disfunzioni, e dentro i nostri muscoli generando rigidità e dolori da “contratture”.

Le persone in trattamento con massaggi parlano sempre di un cambiamento qualitativo del loro sonno.

Riferiscono di sognare più spesso e in modo più vivido e di avere bisogno di un minor numero di ore di sonno per sentirsi riposate e in forma.

Il massaggio antistress, liberandoci dalle tensioni, ci sintonizza con i bioritmi del corpo e con i nostri cicli naturali, ragion per cui istintivamente cominciamo a fare tutto nel modo giusto. Capita infatti di sentire il bisogno di un’alimentazione più sana, di una vita più dinamica e ricca, di fare più attività fisica e di smettere di fumare. E’ come se il massaggio risvegliasse quelle forze vitali che ci impediscono di farci del male.

Il massaggio antistress sviluppa un’eccezionale capacità di lavoro e di concentrazione e stimola l’immaginazione e la fantasia.

IMG_7462

Un uomo d’affari, altro paziente, prima di ogni impegno di lavoro importante si prenota per un massaggio, che a suo dire gli dà quella tranquillità d’animo e quella carica psicologica che gli servono per affrontare con lucidità qualunque situazione e problema difficile, e gli consentono di non sentirsi a pezzi per tutto il resto della giornata.

Nell’arco di un ciclo di massaggi, si acquisisce più consapevolezza del proprio corpo, delle emozioni che vi nascono e lo fanno vibrare. La vita nella sua quotidianità diventa più appagante.

Tanto più si impara a “vivere” il proprio corpo, tanto più si sperimentano un maggior numero di sentimenti, una maggiore vitalità, un maggior piacere. I nostri contatti esterni diventano più significativi, importanti e più in sintonia con il nostro essere.

Nelle persone che tendono all’esaurimento nervoso e alla depressione, il massaggio antistress può aiutare più di qualunque altra medicina.

Queste persone, che abitualmente vivono con alti carichi di stress in coincidenza di una perdita, che di volta in volta può essere di una persona amata (separazioni, divorzi, lutto), del posto di lavoro (licenziamento, pensionamento), del successo, del potere, della bellezza, cadono in depressione. Vi è un calo di interesse improvviso rispetto all’ambiente esterno e alla propria vita, con tendenza a chiudersi e a estraniarsi. Quasi sempre ci sono vissuti di sfiducia e impotenza. Si piange spesso e ci si sente svuotati dentro e senza energia. Ci si sveglia stanchi e senza voglia di lavorare e di vivere.

Quello che si è sempre fatto con interesse e piacere diventa un peso, e ogni cosa perde valore e colore.

2014-01-29 15.58.33

Ecco come Alessandra, giornalista soffrente di crisi depressive, ci racconta il suo caso:

«Ho bisogno del massaggio quando sento che il mio cervello non regge più il ritmo cui lo sottopongo ed è sottoposto. Io penso molto, spesso dimenticando il corpo; raggiungo stati insostenibili di ansia e di angoscia: da un piccolo problema, che può essere economico, affettivo o lavorativo, nasce una montagna; metto in discussione tutto e tutti; dubbi contro dubbi si assommano senza che insorga la chiarezza necessaria per risolverli. In questi momenti avverto un blocco respiratorio: mi rendo conto di trattenere parte dell’aria che inspiro e ciò mi impedisce di assimilare ossigeno nuovo. Ho la sensazione allora di accumulare aria vecchia ormai inquinata.

Quello che inizialmente può essere solo malumore, diventa depressione e autosvalutazione. Vorrei scomparire. Anche i desideri si spengono per lasciare posto a uno stato di impotenza assoluta. Non sono così più in grado di fare nulla. Rimangono solo gli stessi ossessivi pensieri.

Nei rapporti con gli altri reagisco in maniera differente a seconda delle situazioni che hanno innescato il processo d’angoscia. Una è l’autoisolamento, per sentirmi poi vittima della solitudine. Un’altra è la ricerca spasmodica di attenzione, lamentandomi all’infinito con gli amici. Oppure sono molto eccitata, parlo rapidamente per mascherare il nodo alla gola, dico molte cose, ma in realtà nulla di interessante e di vero, che tocchi cioè il nocciolo della questione che mi pesa sul cuore. In altre occasioni ancora sono assurdamente rabbiosa, ce l’ho con il mondo intero e sento il mondo contro di me. Perdo il senso della realtà spaziale e temporale; i pensieri ritornano al passato verso cui nutro nostalgia, o fuggono verso un futuro irraggiungibile, perché mi manca sotto i piedi la solida base del presente, la coscienza del “qui ed ora”.

Con il massaggio non solo mi rilasso e vedo la vita da un’altra ottica, più serena, sicuramente, ma quando le mani vanno a toccare punti più dolorosi, affiorano in me emozioni e bisogni rimossi che non voglio prendere in considerazione. Spesso sono bisogni inaccettabili per me, donna che vorrebbe sentirsi autosufficiente ed emancipata. Nel momento in cui ne prendo coscienza, cerco di pormi per quella che sono: ho e do un’immagine di me chiara, che mi permette di affrontare e riconoscere le situazioni, i luoghi e le persone, adeguati alla mia esistenza, senza dover correre qua e là confusamente, sforzandomi oltre i limiti di raggiungere un obiettivo desiderato e di subire poi un improvviso crollo fisico che immobilizza.

Col massaggio ho capito che la vita può venirmi incontro dando anche tempo al tempo”.

RIF. Libro del Dott. Giovanni Leante La Rosa – Massaggio Antistress

libro-massaggio

by Aurelio Colucci

Alimentazione per un Equilibrio Energetico pieno di Gioia

La dieta è di tre tipi; esiste la dieta Sattvica, la dieta Rajasica e la dieta Tamasica. Latte (soya o mandorla), farina, legumi, cereali, burro, formaggio, patate, miele, datteri, frutta, mandorle e zucchero candito sono tutti alimenti Sattvici. Rendono la mente pura e calma.
Pesce, uova, carne rossa, uova, sale, peperoncino, chilli e asafetida sono articoli Rajasici. Eccitano la passione.
Carne in genere, vino, aglio, aceto, funghi, pepe, alcool, cipolla e tabacco sono articoli Tamasici. Riempiono la mente di rabbia, tenebre ed inerzia.

Vegan pumpkin pie with tealight.

Vegan pumpkin pie with tealight. (Photo credit: Wikipedia)

Il Signore Krishna dice ad Arjuna: “Il cibo che è caro a ciascuno è di tre tipi. Ascolta le distinzioni tra di essi. Gli Alimenti che aumentano la vitalità, l’energia, il vigore, la salute e la gioia, e che sono deliziosi, delicati, sostanziosi e appetitosi sono cari al puro. Il passionale desidera cibi che sono amari, aspri, salati, eccessivamente piccanti, pungenti, asciutti e brucianti e che producono dolore, sofferenza e malattia. Il cibo stantio, sciapo, putrido e andato a male, i resti e le cose impure sono cari al Tamasico (Bhagavad-Gita VII-8, 9, 10).

Arjuna and Krishna as depicted on the 1980s co...

Arjuna and Krishna as depicted on the 1980s cover of Bhagavad-Gītā As It Is (Photo credit: Wikipedia)

Il cibo gioca un ruolo importante nella meditazione. Cibi diversi producono diversi effetti su differenti compartimenti del cervello. Ai fini della meditazione il cibo dovrebbe essere leggero, nutriente e Sattvico. Latte, frutta, mandorle, burro, zucchero candito, lenticchie verdi, lenticchie Bengali lasciate in ammollo per una notte, pane, sono tutti di grande aiuto nella meditazione. La Thed (un tipo di radice abbondantemente disponibile nelle regioni Himalayane) è molto Sattvica. Lo zucchero, il tè e il caffè dovrebbero essere usati con moderazione. E’ meglio rinunciarvi completamente. La polvere di zenzero può essere mescolata al latte e assunta frequentemente. Gli Yogi indiani amano molto questa bevanda. Un principiante deve essere molto attento nello scegliere alimenti di natura Sattvica.
Il cibo è di quattro tipi. Ci sono liquidi che sono bevuti, solidi che sono polverizzati dai denti e mangiati, ci sono semi-solidi che sono assimilati leccandoli e ci sono generi alimentari soffici che sono ingoiati senza essere masticati. Tutti gli alimenti dovrebbero essere completamente masticati nella bocca fino ad essere ridotti a liquidi prima di essere ingoiati. Solo allora possono essere prontamente digeriti, assorbiti ed assimilati dal sistema. La dieta dovrebbe essere tale da consentire di mantenere l’efficienza fisica e la buona salute. Il benessere dell’individuo dipende da una perfetta alimentazione più di qualsiasi altra cosa. Vari tipi di malattie intestinali, aumentata suscettibilità alle malattie infettive, carenza di vitalità e di potere di resistenza, rachitismo, scorbuto, anemia o povertà del sangue, sono dovute a un’alimentazione errata.

English: Vegan Pumpkin Seed-Crusted Lentil Pat...

English: Vegan Pumpkin Seed-Crusted Lentil Patties with Roasted Garlic Mashed Potatoes and Salad (Photo credit: Wikipedia)

Colui che assume una dieta moderata, che ha regolato la sua dieta, può riarmonizzare il flusso quotidiano della propria vita, non altri. Questa è la ragione per la quale il Signore Krishna dice: “ Veramente lo Yoga non è per colui che mangia troppo, né per colui che si astiene dal cibo all’eccesso, non è per colui che dorme troppo, né per colui che è sempre desto, O Arjuna! Lo Yoga estingue ogni dolore per colui che è regolato nel mangiare e nel divertirsi, regolato nell’agire, regolato nel dormire e nevegliare.”(Bhagavad-Gita VI-16-17). Perciò mangia del cibo che sia gradevole e dolce fino a riempire metà dello stomaco; riempi un quarto dello stomaco con acqua e lascia il rimanente quarto vuoto per l’espansione dei gas. Offri l’atto di mangiare al Signore. Questa è la dieta moderata. Tutti gli alimenti putridi, stantii, decomposti, sporchi, cotti due volte, vecchi di un giorno, dovrebbero essere abbandonati. La dieta dovrebbe essere fresca, semplice, leggera, dal sapore delicato, salubre, facilmente digeribile e nutriente.
Nella Shiva Samitha è scritto: “Lo Yoga non dovrebbe essere praticato immediatamente dopo un pasto, nemmeno se si è molto affamati; prima di iniziare la pratica del latte e burro possono essere assunti”.
Nella Yoga Tattva Upanishad troverai: “L’esperto nello Yoga dovrebbe abbandonare gli elementi di ostacolo alla pratica. Dovrebbe rinunciare a sale, mostarda, alimenti acidi, piccanti, pungenti o mari, assafetida. Nei periodi iniziali della pratica è prescritto cibo a base di latte e ghi, insieme a cibo ottenuto dalla farina, germogli e riso rosso; si dice che questa dieta favorisca il progresso. Dopo, l’aspirante diviene capace di trattenere il respiro quanto vuole. Tramite questa ritenzione del respiro a volontà, Kevala-Kumbhaka (cessazione del respiro senza inalazione né esalazione) è ottenuta. Per colui che ha ottenuto Kevala-Kumbhaka, e si è così liberato dall’inalazione e dall’esalazione non vi è più nulla di irraggiungibile nei tre mondi”.
Nella Bhikshuka Upanishad troverai : “Paramahamsa come Samavartaka, Aruni, Svetaketu, Jada Bharata, Dattatreya, Suka, Vamadeva, Haritaki e altri, mangiavano otto bocconi e si sforzavano di raggiungere Moksha unicamente tramite il cammino dello Yoga”.
Sii naturale e semplice nel mangiare e nel bere. Puoi dedicare più tempo alle pratiche Yoga. Uno studente Yogico che spende il suo tempo completamente in pura meditazione necessita di pochissimo cibo. Una misura, una misura e mezza di latte al giorno e della frutta saranno sufficienti. Ma una persona che svolge lavoro attivo e vigoroso necessita di abbondante cibo nutriente.
La dieta vegetariana è stata acclamata come la più adatta all’avanzamento spirituale e riequilibrio psichico. E’ stato scoperto che la carne aumenta le passioni animali e diminuisce le capacità intellettuali. Mentre è vero che le nazioni mangiatrici di carne sono fisicamente attive e forti, altrettanto non si può dire dei loro progressi spirituali. La carne non è per niente necessaria per mantenere salute perfetta, vigore e vitalità. Al contrario è altamente deleteria per la salute. Porta con sé una schiera di malattie come i vermi intestinali e malattie renali.
Uccidere animali per ottenerne cibo è un grande peccato. Anziché uccidere l’egoismo e l’idea di “mio”, persone ignoranti uccidono animali innocenti sotto il pretesto del sacrificio, ma in realtà mirano ad appagare la loro propria lingua o palato. Che orribili crimini disumani vengono commessi nel nome di Dio e della Religione!
Ahimsa (non violenza) è la prima virtù che un aspirante spirituale dovrebbe cercare di possedere. Si dovrebbe riverire la vita. Il Signore Gesù disse: “Benedetti sono i misericordiosi, perchè otterranno misericordia.” Mahavira ha gridato, con voce simile a una tromba:”Tratta ogni essere vivente come te stesso e non fare del male a nessuno.”
La legge del Karma è inesorabile, inflessibile, immutabile. Il dolore che infliggi a qualcun’altro rimbalzerà sicuramente su di te e la felicità che irradi tornerà indietro aumentando la tua felicità. Colui che conosce questa legge non ferirà nessuno.

2013-08-31 17.03.27
La carne ha una influenza diretta sui diversi compartimenti del cervello. Il primo e più importante passo nell’avanzamento spirituale di un aspirante è la rinuncia alla carne. La Luce Divina non discenderà, se lo stomaco è carico di carne. Nelle nazioni forti mangiatrici di carne la mortalità per cancro è molto alta; i Vegetariani si mantengono in buona salute fino all’età anziana.
Pitagora sembra protestare amaramente quando dice: “Attenti, o mortali, dall’insozzare i vostri corpi con cibo peccaminoso. Vi sono cereali, vi sono frutti che piegano i loro rami dal loro peso, e lussureggiante uva sulle viti. Vi sono dolci vegetali ed erbe che il fuoco può rendere gradevoli e soffici. Né ti sono negati latte, né miele, fragranza dell’aroma del fiore di timo. La terra prosperosa ti offre un abbondanza di cibo puro e fornisce pasti ottenibili senza il massacro e lo spargimento di sangue”.
Digiunare è proibito ai praticanti dello Yoga perchè produce debolezza. Ma un digiuno moderato occasionale è altamente benefico. Questo ripara il sistema interamente, dà pace allo stomaco e agli intestini ed elimina l’acido urico. Gli studenti Yoga possono prendere un pasto intero alle 11, una tazza di latte caldo al mattino e mezza misura di latte o un pò di banane cotte (o arance o mele) alla sera con gran vantaggio. Il pasto notturno dovrebbe essere molto leggero. Se lo stomaco è sovraccaricato, sopravverrà il sonno e poiché troppo sonno è dannoso alle pratiche Yogiche non è possibile fare alcun reale progresso nel cammino dello Yoga. Perciò una dieta che consiste di solo latte e frutta è uno splendido menù per tutti i praticanti.

2013-09-24 21.22.56 2013-10-26 11.39.00-2
Bolli mezza misura di latte insieme a del riso bollito, ghi e zucchero. Questo è chiamato Charu. E’ un cibo eccellente per i praticanti dello Yoga. Questo è per cena. Mezza misura di latte e qualche frutto saranno sufficienti per la notte. Prova questa prescrizione e dimmi dei benefici che ne hai tratto nella tua Sadhana. Il latte non dovrebbe essere bollito troppo. Dovrebbe essere rimosso dal fuoco nel momento in cui il punto di bollitura è raggiunto. L’eccessiva bollitura distrugge tutti i principi nutrienti e le vitamine e rende il latte non adatto al consumo. Il latte è un cibo ideale per gli aspiranti. E’ un alimento perfetto in se.
La dieta a base di frutta esercita una meravigliosa influenza sulla costituzione. E’ una dieta naturale. I frutti sono tremendi produttori di energia. Frutta e latte aiutano la concentrazione e la meditazione. Il grano, la farina. il latte. il ghi e il miele producono longevità della vita e aumentano la potenza, i succhi di frutta e l’acqua in cui lo zucchero candito è disciolto sono bevande veramente buone. Il burro misto allo zucchero candito e le mandorle lasciate in ammollo per la notte raffredderanno il sistema.
Conduci una vita semplice e naturale. Assumi cibo semplice, che sia perfettamente compatibile al tuo sistema. Dovresti avere il tuo menù personale, adatto alla tua costituzione. Tu stesso sei il giudice perfetto per selezionare una dieta Sattvica. In materia di cibo e bevande farai bene a mangiare e a bere come un maestro. Non dovresti provare il minimo desiderio per nessuna dieta particolare. Non dovresti diventare uno schiavo di questo cibo o di quel cibo. Cibi e bevande semplici, naturali, non-stimolanti, che costruiscono i tessuti, che producono energia, manterranno la mente calma e pura e aiuteranno lo studente di Yoga nelle sue pratiche e nel raggiungimento dell’obiettivo della vita.

CONSIGLIO RISTORANTI VEGETARIANI A MILANO:

http://mensasana.it/

http://vivimilano.corriere.it/ristoranti/vegetariani.htm

By Aurelio Colucci

yoga

yoga (Photo credit: GO INTERACTIVE WELLNESS)

Siamo collegati con qualsiasi cosa, tranne che con noi stessi

Nella società laica odierna è di moda considerare la letteratura sacra come un insieme di fantasticherie mitologiche per persone sottosviluppate. A scuola s’insegna che con le nostre attuali conoscenze di fisica, medicina, psicologia, democrazia e via dicendo, queste scritture non hanno utilità se non come forme d’arte letteraria. Coloro che seguono le scritture alla lettera sono “out” e bollati con termini dispregiativi come quello di “fondamentalisti stravaganti” con poca concretezza. Va di moda prendere in prestito alcune idee delle scritture vedi che – lo Yoga, la meditazione, il canto dei mantra ma vivere secondo una disciplina delle scritture è considerato retro e semplicistico. Non puoi affidarti a qualche cosa di poco concreto in questo periodo storico, impensabile, anacronistico per alcuni, fuori ogni logica per altri. In più se ti esponi con forme anche salutari come per esempio praticare le antichissime asana dello Yoga, o recitare ad alta voce dei mantra puoi esser messo nel ridicolo soprattutto dalla propria famiglia di sangue. Una tale umiliazione è anch’essa un mezzo, uno stimolo per raccogliere consapevolezza e trovare la propria natura espressiva.

562070_10151498857334293_867363916_n
Una ragione per cui le persone rifiutano il vero significato delle sacre scritture è che la parola scritta evoca in loro il ricordo di scomode austerità e penitenze oppure un insieme di spaventosi rituali che poche persone potevano compiere e ancor meno capire. Inoltre le scritture contengono storie fantasiose di miracoli e avvenimenti sovrannaturali che la scienza moderna ha da tempo screditato. Ma a noi tutto questo non interessa in particolar modo, nel senso che le liturgie e il “sacro” è oggi altra cosa. Una presa di coscienza portata grazie alla scienza in superficie ci porta ad un’elevatura totale. Ma è grazie ai Veda che con le loro informazioni sullo spirito e sulla materia sottile, forniscono una visione del mondo che rende facile accettare quello che è apparentemente impossibile all’occhio umano. Una volta compreso che lo spirito, cioè la Vita, è indipendente dalla materia, è facile credere che esseri viventi possano vivere ovunque nell’Universo e compiere il proprio cammino con estrema gioia e straordinaria spontaneità.
Potremmo andare avanti per ore e ore a parlare di come tutte è il contrario dell’altro. È una storia che si ripete da millenni, sempre la stessa. Schieramenti e divisioni, chi sta a destra , che a sinistra, chi per una bandiera, che per l’altra, o per un colore diverso. L’essere umano riesce anche ad uccidere per un ideale. Tutto questo è paradossale ma fa parte di un programma superiore, di qualche cosa che ci indirizza verso una frequenza che muta rispetto all’ascolto e alla disponibilità che ognuno di noi può reggere con la propria Forza interiore.
Ma tutto ha un prezzo e in ogni epoca e periodo ha potuto prender forma ciò che serviva in quel momento per il cambiamento e l’evoluzione.
La vera rivoluzione pacifica arriverà nel momento in cui non ci saranno più divisioni tra uomo e donna, quando il tutto sarà unificato e in completa armonia con il niente, il suo nome è Yoga!

20130505-004832.jpg

Piante Sudamericane Miracolose

Quinoa is not a grass, but its seeds have been...

Quinoa is not a grass, but its seeds have been eaten for 6000 years. (Photo credit: Wikipedia)


English: Quinua (Quinoa) plants near Cachora, ...

English: Quinua (Quinoa) plants near Cachora, Apurímac, Peru. Altitude: 3800m Deutsch: Quinua-Pflanzen (Quinoa) in der Nähe von Cachora, Apurímac, Peru. 3800m.ü.M. (Photo credit: Wikipedia)

Il 2013 è stato proclamato dall’ONU Anno Internazionale della Quinoa. Cosa è la quinoa?
E’ una pianta originaria delle regioni Andine del Sudamerica, dalla Colombia al Cile. E’ resistente alla siccità e a suoli poveri, a temperature che variano da -8 °C a 38 °C. Ma ciò che rende speciale e particolare questa pianta sono le sue proprietà nutritive: possiede tutti gli amminoacidi essenziali (istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina e triptofano), presentando nel complesso un valido equilibrio tra carboidrati e proteine. Il suo contenuto proteico è superiore a quello di riso, miglio e grano.
Fornisce oligoelementi (ferro e calcio) e numerose vitamine (alcune del gruppo B, vitamine C ed E protettive dell’apparato circolatorio), ma non contiene glutine. Possiamo dire che l’unico punto a sfavore per ora è il prezzo di questo prezioso alimento. Facile da cucinare, si presta nella preparazione di ricette invernali ed estive. Visto che l’estate è alle porte… cominciamo a prepararci anche con nuove e sfiziose ricette. Qualcuno l’ha già provata?

Un consiglio per poter godere fino in fondo tutto ciò che porta beneficio e salute, proviamo più volte e perseveriamo, non fermiamoci mai !

by Aurelio Colucci

905489_297981283666479_740116993_o

I benefici della Vitamina E

La vitamina E è un antiossidantei che rallenta l’invecchiamento delle cellule, proteggendo le loro membrane.
E’ fondamentale nella produzione di energia: più di uno studio ha evidenziato che aumenta la potenza muscolare, la forza fisica e la resistenza alla fatica. Altri studi, hanno messo in luce la sua azione sui tessuti cerebrali, con miglioramento della lucidità mentale, della concentrazione e anche della memoria. Inoltre, la vitamina E è un potente anti-arteriosclerosi, data la sua grande capacità vasodilatoria. Ha infine un’efficace azione antidiabete e, in dosi elevate, anticancro.

48003_493292787390539_1796903969_n

Ricetta Yogica – RISO DEGLI ANGELI (MUNG BEANS AND RICE)

Alcuni giorni fa, pranzando con l’amica Sat Sangat, mi ha fatto assaggiare un piatto delizioso, che mi ha dato la possibilità di verificare i risultati veramente sani della ricetta, riportandomi ad uno stadio energetico costante in tutta la giornata.

Sotto la descrizione di come poter preparare questa prelibatezza da cucinare almeno per 15/30 giorni almeno per un giusto riequilibrio mentale (riporta concentrazione e forza) ed a livello intestinale (leggerezza e ripresa regolare dell’intestino).

Questo è un piatto unico e integra tutta la giornata nutritiva a parte una leggera colazione al mattino dopo la pratica yoga e meditazione . E’ davvero completo e combinando la soia verde con tutti gli amminoacidi essenziali e le proteine facilmente assimilabili del riso, dei vegetali e delle spezie, fornisce tutto il nutrimento di cui abbiamo bisogno inoltre depura i reni, il colon e gli organi digestivi ed è utile anche nei casi di stitichezza. E’ un buon alimento per i malati e gli anziani e, se preparato senza spezie e con un po’ di olio di mandorle, anche per i bambini.

INGREDIENTI (per 4 – 6 persone o per tenere dividere le porzioni in più giorni se siamo da soli): 1 tazza di soia verde, 1 tazza di riso basmati, 9 tazze d’acqua, 4-6 tazze di vegetali (zucchine, carote, broccoli, sedano, ecc.), 1/3 di tazza di radice di zenzero tritata, 2 cipolle tagliate, 8-10 spicchi d’aglio tagliati finemente, ½ cucchiaino di pepe, 1 cucchiaino di peperoncino rosso tritato, 1 cucchiaino di garam masala, 1 cucchiaino di curcuma, 1 cucchiaino di basilico dolce, 2 foglie di alloro, semi di 5 baccelli di cardamomo, sale o salsa di soia.

PREPARAZIONE: Sciacquiamo riso e soia. Facciamo bollire l’acqua, aggiungiamo riso e soia e cuociamo a fiamma media, poi uniamo i vegetali (se utilizzi riso integrale, cuociamo a lungo prima di aggiungere i vegetali). A parte scaldiamo mezza tazza di olio o ghee, burro chiarificato e facciamo rosolare per alcuni minuti cipolla, aglio e zenzero.
Poi aggiungiamo pepe, peperoncino, garam masala e curcuma e dopo pochi istanti uniamo il tutto al riso e alla soia.
A questo punto continuando a cuocere a fiamma medio-bassa, aggiungi basilico, alloro, cardamomo e sale e mescoliamo di frequente fino a cottura ultimata.
Questo speciale piatto può essere servirlo anche con l’aggiunta di yogurt o formaggio.

Tanks to Sat Nam Yoga Centre

Italiano: Pianta di riso maturo

Italiano: Pianta di riso maturo (Photo credit: Wikipedia)